IL CAMMINO DI SANTIAGO NELL’ERA DEI SOCIAL

Comunità Reale e comunità Virtuale

santiago 2

Dotati di forti connotati aggregativi, Cammino di Santiago e Internet si basano sulla stessa condivisione di informazioni che regolano l’esistenza di una Comunità: quella Reale delle persone che si immergono in una nuova esperienza che “cambia il ritmo” con cui viene scandita la loro quotidianità, e quella Virtuale degli utenti in Rete, nata dallo sviluppo delle moderne forme di comunicazione.

La condizione di Reale e la condivisione di esperienze sono caratteristiche peculiari del Cammino di Santiago che sin dalla sua nascita vede il pellegrino come protagonista. Un ottimo “operatore culturale” capace di portare sulle strade per Santiago de Compostela notizie fresche relative al suo mondo e narrare, una volta tornato a casa, tutto ciò che ha appreso dall’incontro con persone dagli usi, costumi e tradizioni decisamente differenti dai propri. L’opera di monaci e scrivani ha fatto sì che la “letteratura compostellana” arrivasse integra fino ai nostri giorni.

Nell’attualità, il ritrovo in Rete di persone che condividono l’interesse verso il pellegrinaggio, getta le basi per la nascita di quel particolare tipo di aggregazione sociale al quale facciamo riferimento con il nome di comunità Virtuale. In molti casi si tratta di semplice interesse verso qualcosa di nuovo, di richiesta di consigli prima della partenza e spesso della volontà di continuare il Cammino dal Punti di vista mentale, dopo aver concluso quello fisico.

Comunità Reale e Comunità Virtuale, anche se diversi tra loro, rappresentano fenomeni estremamente attuali. Il mondo di internet permette il ricrearsi di quei reticoli sociali che appartengono alla quotidianità di ogni individuo che per natura è portato all’aggregazione, nel contempo lo riconduce alla condizione di Reale di partenza. La cosiddetta “oralità di ritorno” che caratterizza la cultura delle civiltà avanzate, analogamente alla cultura orale primaria, si muove in direzione di un maggior coinvolgimento e di una maggiore, anche se virtuale, partecipazione.

Valentino Pisegna 01/03/2019

santiago1