Doppio Kalinic e la ROMA va, a CAGLIARI i giallorossi mantengono il passo per entrare in UEFA Champions League

Nikola Kalinić AS ROMA

Nikola Kalinić AS ROMA

Sofferta vittoria della Roma che alla Sardegna Arena trova il secondo successo consecutivo in campionato ai danni di un Cagliari che fino alla fine prova a cercare il pareggio dopo essere inizialmente passata in vantaggio. Uno spettacolare 4 a 3 finale per la compagine giallorossa che accorcia in classifica il distacco dal quarto posto occupato attualmente dall’Atalanta (che deve però recuperare una partita). Partenza sprint per la Roma che nei primi venti minuti di gioco va spesso alla conclusione, costringendo l’ex portiere Olsen ad intervenire in maniera decisiva sulle conclusioni giallorosse. Al 28’ è il Cagliari a passare in vantaggio con  Joao Pedro che dopo un controllo con la coscia destra piazza il pallone all’incrocio scavalcando Pau Lopez con un delizioso pallonetto, regalando il momentaneo vantaggio ai rossoblu. Neanche il tempo di esultare che l’ex Luca Pellegrini sbaglia un intervento difensivo fornendo a Nicola Kalinic un’assist che permette all’attaccante croato di realizzare un gol che mancava in generale da più di un anno (17 gennaio 2019 Atletico MadridGirona Coppa di Spagna)e dal maggio 2018 nel campionato italiano. Poco prima della fine del primo tempo la Roma ribalta il risultato. Al 41’ un indiavolato Under serve Mkhitaryan – in serata di grazia – il quale anticipa Klavan e serve Kalinic che con piatto destro realizza la sua quarta doppietta nel campionato italiano e il suo sesto gol al Cagliari che di fatto si conferma essere la sua vittima preferita. Al rientro in campo è ancora Roma con Under che dopo una discesa sul lato destro del campo mette una palla al centro dove a concludere c’è Kluivert, ma la palla scheggia la traversa e va fuori. Aumentano così il numero delle occasioni avute dalla Roma e nel tabellino delle statistiche se ne conteranno 19. Ma la soddisfazione dell’attaccante olandese è solo rimandata.
Al 64’ infatti Kalinic serve il talentino olandese che con un fulmineo contropiede batte Olsen. Partita che sembra chiusa, ma il Cagliari non ci sta e al 75’ il neo entrato Pereiro accorcia le distanze con un piattone a girare che non lascia scampo al portiere giallorosso. Le speranze del Cagliari però durano poco e 5 minuti dopo Mkhitaryan realizza il quarto gol della Roma, sfiorando una punizione calciata da Kolarov. Nel più classico dei finali al cardiopalma, la partita si riapre nuovamente. La Var infatti richiama l’arbitro Di Bello – che non aveva visto un intervento scomposto con un braccio di Smalling– e dopo il consueto check al monitor assegna un calcio di rigore fallito da Joao Pedro, ma sulla respinta di Pau Lopez lo stesso attaccante brasiliano realizza il suo sedicesimo gol in stagione. Finisce così, con la Roma che porta a casa il bottino pieno e allunga ancora di più la crisi del Cagliari arrivato ormai all’undicesima partita senza vittorie. Nella Roma oltre agli scoppiettanti Under e Mkhitaryan e alle prestazioni di livello di Kluivert e Kalinic, da segnalare anche la buona prestazione di Bruno Peres che seppur in difficoltà nella fase difensiva, ha avuto modo di spingersi nell’area avversaria trovando anche un interessante e pericolosa conclusione. Aumenta ancora di più il morale della squadra di Fonseca che a breve potrebbe ritrovare altre importanti pedine in mezzo al campo utili nella rincorsa al quarto posto e quindi  alla qualificazione alla prossima Champions League, senza dimenticare che nella metà di marzo ci sarà da affrontare una doppia sfida in Europa League contro il Siviglia dell’ex direttore sportivo Ramon Monchi.

 

Vincenzo Ruocco
..:: Atlasorbis – news quindicinale  01  Marzo 2020