Pronto il piano B di Renzi dopo la sconfitta al referendum: nasce il Governo Gentiloni

“Italie: le nouveau cabinet, copie conforme de l’équipe Renzi”

renzi-mattarella

Ci siamo sempre preoccupati dell’immagine del nostro Paese all’estero, ma solo per quello che riguarda l’andamento della nostra economia, della pericolosità delle nostre città, delle eccellenze del made in Italy, ma l’immagine che si manifesta della politica nazionale su tutti i giornali del mondo è veramente grottesca!  Il titolo del giornale francese l’Express che tradotto significa “Il nuovo governo fotocopia del governo Renzi” è solo uno dei titoli della stampa internazionale, che evidenzia la paradossale e spudorata situazione politica attuale.

Un epilogo estremamente prevedibile, dopo la frase di Renzi dello scorso anno pronunciata durante le elezioni del Presidente della Repubblica “si inizia con Mattarella e si finisce con Mattarella”; infatti la fiducia ritorna nelle mani in un lampo, dei fedelissimi di Renzi, con ministri promossi ed altri solo spostati di dicastero, una partita a dama con le pedine già al loro posto.

Il dissenso, lo sconcerto, la rabbia degli italiani si sfoga sui social network, ormai unico luogo o quasi, in cui i cittadini, dopo il voto, possono esprimere il loro pensiero.

La politica dei tanto acclamati rottamatori  che doveva tagliare costi e privilegi alla c.d. casta, ha invece “lasciato a casa” gli italiani, impotenti che urlano vendetta per le prossime elezioni.

Le promesse fatte pubblicamente da esponenti del precedente governo. ovvero di lasciare con dignità la poltrona per restituire al popolo il diritto di voto, in caso di sconfitta al referendum del 4 dicembre, rappresentano quale effettivamente sia il livello di considerazione che la politica ha per la gente, che spera sempre fiduciosa che qualcuno, da qualche parte, magari grillino o centrista, di sinistra o di destra, democristiano o socialista, finalmente realizzi anche parzialmente gli interessi per un futuro migliore dei cittadini e dell’Italia!

F.L.

16/12/2016

(foto di primo piano quotidiano online www.libero.it)

TROVA LE DIFFERENZE:

governo

                                                                                                                               (foto da Corriere della Sera)

Leave A Reply