La Roma esce agli ottavi finale di Europa League contro il Siviglia, inizia in salita la presidenza del nuovo patron giallorosso Dan Friedkin

SIVIGLIA – ROMA
OTTAVI DI FINALE UEFA EUROPA LEAGUE

Edin Dzeko

Edin Dzeko, deluso per eliminazione della Roma dalla Europa League contro il Siviglia

Finisce l’avventura europea per la Roma della nuova proprietà americana guidata dal magnate Dan Friedkin che da poche ore si può considerare il nuovo proprietario della società giallorossa. Nella gara unica disputata sul campo neutro di Duisburg, il Siviglia batte i giallorossi e accede ai quarti di finale. Sin dalle prime battute di gara gli spagnoli si dimostrano più aggressivi e creano immediatamente diverse occasioni pericolose. La prima al 7’ quando il portiere giallorosso Pau Lopez con la punta delle dita devia in angolo la potente conclusione di Ocampos. Al 12’ su ennesimo calcio d’angolo per il Siviglia, (alla fine se ne conteranno 10 al cospetto dei 3 concessi alla Roma) il giovane difensore francese Koundè di testa colpisce la traversa. I giallorossi faticano a ripartire e non riescono ad impensierire la retroguardia rossobianca. Con il passare dei minuti cresce anche la pressione spagnola e al 21’ si sblocca il risultato. L’ex interista Ever Banega cambia gioco per Reguilon, il quale lascia sul posto Bruno Peres e Ibanez e lascia partire una conclusione di sinistro che passa sotto le braccia di Pau Lopez. Prima rete in questa competizione per il difensore spagnolo arrivato in prestito dal Real Madrid. La Roma non sembra scuotersi e anzi al 27’ rischia grosso, quando Jesus Navas elude l’intervento del portiere giallorosso ma si allunga troppo la palla non riuscendo a concludere a rete. Al 35’ la squadra di Fonseca prova a reagire con Nicolò Zaniolo che ha una grossa occasione, ma il difensore del Siviglia Diego Carlos si immola respingendo con il corpo la conclusione del classe 99’. Un minuto prima dell’intervallo la formazione di Lopetegui parte in contropiede, Ibanez sbaglia l’intervento sull’ex Genoa e Milan Ocampos che appoggia in mezzo una palla per la facile deviazione a porta sguarnita di En-Nesyri. Squadre a riposo con il Siviglia in vantaggio di due reti. Nella ripresa la Roma prova a riaprire la partita ma la conclusione di sinistro di Mkhitaryan finisce fuori di poco. Al 54’ conclusione a botta sicura di Cristante servito da Mkhitaryan , ma l’intervento di Koundè salva i suoi. Il tecnico giallorosso inserisce forze fresche sostituendo Zaniolo e Diawara; al loro posto entrano Lorenzo Pellegrini e Carles Perez. Ma sono sempre gli spagnoli a creare pericoli in area avversaria. Al 58’ Banega inventa un delizioso assist per Ocampos che con una mezza rovesciata impegna Pau Lopez. Il gioco prosegue piuttosto spezzettato, con tanti falli a centrocampo. Ci riprova la Roma e lo fa con Edin Dzeko al 70’. Il bosniaco raccoglie un’assist di Pellegrini e spalle alla porta si gira calciando di prima intenzione ma la conclusione manca di poco lo specchio della porta. Ma è ancora il Siviglia a creare problemi ai giallorossi. Sugli sviluppi di un corner, il neo entrato Munir dalla sinistra mette una palla al centro per Koundè che deposita in rete il pallone. Dopo il check VAR però la rete viene annullata per fuorigioco e si rimane sul 2 a 0. Negli ultimi dieci minuti Paulo Fonseca cambia modulo passando al 4-2-3-1 e fa uscire Kolarov inserendo il centrocampista spagnolo Villar. Ma la Roma sembra aver mollato e nel recupero il Siviglia sfiora il terzo gol. La traversa nega la gioia del gol al centrocampista Banega, e poco dopo Pau Lopez con un grande intervento salva su uno scatenato Koundè. A pochi secondi dalla fine dei 7 minuti di recupero concessi dall’arbitro olandese Kuipers – apparso piuttosto permissivo nel segnalare gli interventi fallosi – viene espulso Gianluca Mancini a seguito del richiamo al VAR del direttore di gara. Questi infatti aveva ammonito il difensore per una gomitata ai danni di De Jong, ma dopo aver visionato le immagini ha modificato la sanzione. La partita finisce con la netta e meritata vittoria del Siviglia, come dimostrano anche le statistiche della gara. La Roma non ha mostrato quanto fatto di buono nelle ultime partite del campionato e ha troppo spesso sofferto la velocità e i cambi di gioco degli avversari. Si conclude quindi la stagione 2019/2020 con una sconfitta dal sapore piuttosto amaro, ma che dovrà essere motivo di riflessione per affrontare al meglio la nuova stagione, la prima della nuova proprietà texana.

IL TABELLINO DELLA GARA

SIVIGLIA: Bounou; Jesus Navas, Koundé, Diego Carlos, Reguilon; Banega, Fernando, Jordan; Ocampos (50° minuto st Vazquez), En-Nesyri (48° minuto st De Jong), Suso (24° minuto st Munir).
A disposizione: Vaclìk, Sanchez, Sergi Gomez, Escudero, Oliver Torres, Mena, José Alonso, Genaro, Perez Rico.
Allenatore: Lopetegui
ROMA: Pau Lopez; Mancini, Ibañez, Kolarov (32° minuto st Villar); Bruno Peres, Diawara (14° minuto st Pérez), Cristante, Spinazzola; Zaniolo (13° minuto st Pellegrini), Mkhitaryan; Dzeko.
A disposizione: Cardinali, Mirante, Perotti, Ünder, Santon, Kalinic, Fazio, Calafiori, Kluivert.
Allenatore: Fonseca
ARBITRO: Kuipers (Ola)
MARCATORI: 22 minuto pt Reguilon, 44° minuto minuto pt En-Nesyri
NOTE: Al 29° minuto st annullato un gol a Koundé (S) per fuorigioco. Espulso Mancini (R) al 54° minuto st per gioco violento.
Ammoniti: Diego Carlos, Jordan (S); Kolarov, Pellegrini (R). Recupero: 3 minuti  pt e 7 minuti  st

 

#atlasorbis #atlasorbistv #direttaatlasorbis #ASRoma

Vincenzo Ruocco

 

 

 

 

 

 

Vincenzo Ruocco
..:: Atlasorbis – news quindicinale  1  Agosto 2020